Bio/About

Sono affascinato dalle architetture che l’uomo ha abitato, ricerco, sintetizzo e trasformo, sottraendo da un blocco unico di pietra.
Mi piace riflettere sulla complessità della realtà, mettendo in discussione l’ortogonalità delle architetture industriali e la percezione spaziale degli ambienti antropici, destrutturando e reinterpretandone le forme. Una realtà geometricamente codificata e misurabile ma inevitabilmente contraddittoria, fluida e in continua ridefinizione. Anche nel metodo delle ultime realizzazioni emerge la contraddittorietà; sottraggo materia dal blocco per ottenere la forma e aggiungo pigmento per eliminarla.


Nato nel ‘69, studia all’Istituto Statale d’arte di Urbino diplomandosi in grafica pubblicitaria e fotografia, consegue il diploma di scultura all’ Accademia di Belle Arti di Urbino. Vive e lavora a Fano (pu).

Born in 1969, Paolo Tosti has studied at the Art Institute of Urbino getting a diploma in advertising graphics and photography. Later he took a degree in sculpture at Fine Arts Academy of Urbino showing from the very beginning his deep interest in the abstract form and preferring the use of stone. Since 1992 he has been exhibiting in personal and group exhibitions, taking part in international meetings about sculpture and in the main Italian contemporary art fairs. He lives and works in Fano.

At present his expressive pursuit derives from urban and industrial archaeology and it plunges into the metaphysical silence of worn structures, thus becoming the filter of a reality where there is no “life” any more. Paradoxically the bare industrial area purifies itself and the loss of functionality together with the signs of time and the sense of neglect give birth to new shapes with own identity; in this process these places lose their dimension both of place and of time, in order to become icons of which the artist is the interpreter. Paolo Tosti both pursues and fixes these atmospheres, these perceptions through his highly precise work which bares the architectural structure and brings to light  the new soul of these places through shape in the stone and the bitumen prints on paper.


Principali esposizioni/main exibitions:

2017 -  “Coefficiente di Rottura” Tosti/Roi Galleria Laboratorio 41 Macerata  a cura di Alessandro Leanza, testo critico Paola Gennari.

2016 – “Ortogonale Minima” Galleria Laboratorio 41 Macerata  a cura di Alessandro Leanza, Paola Gennari (solo exi-bition). – “[de] Habitat” Galleria Il Pomo da DaMo Imola  a cura di Paola Gennari (solo exibition).

2015 -  ”Luoghi minimi” (installazione per Marmomacc & The City) Piazzetta Navona Verona. – “Ombre” Abbazia di San Vincenzo/ Furlo Acqualagna a cura di Luigi Campanelli (solo exibition).

2014 – “Interno1/Interno2” (installazione per Marmomacc & The City) Piazza Bra/Arena Verona. – I Saloni  2014 Paolo Tosti /Disegni (solo exibition) per I Conci Design Milanofiera.

2013 – “I Luoghi del Contemporaneo”  Palazzo della Signoria Jesi a cura di G.Bassotti/ S. Cardinali (solo exibition).

2012 -  “Paesaggio: tracce di Passaggi” Centro Arti Visive Pescheria Pesaro.

2011 -  Cersaie 2011 I Conci Design (solo exibition) – Bologna Fiera.

2010 -  “Aspetti di arte astratta nella raccolta Fiocchi” Forte Malatesta Ascoli Piceno a cura di A. Ginesi. – “Pietreintime” Paolo Tosti (video) MeMo Mediateca Montanari a cura di M.Sparaventi Fano. – I Saloni 2010 Fiera Milano Rho – I Conci Design (solo exibition). – Miart 2010 Galleria Lagorio Arte Contemporanea.

2009 – “Industrie” Art Verona 09 Galleria Lagorio Arte Contemporanea (solo exibition) – “Continuità in movimento” Galleria Lagorio Arte Contemporanea Brescia. – Miart 2009 Galleria Lagorio Arte Contemporanea.

2008 – Miart 2008 Galleria Lagorio Arte Contemporanea. – “Memorabilia” Galleria Comunale S.Croce Cattolica a cura di Annamaria Bernucci.

2007 -  Miart 2007 Galleria Lagorio Arte Contemporanea – Brescia.

2006 – “Aperture” Palazzo ex-Pretura Sassoferrato a cura di Mauro Corradini. – “Archeo industrie” Galleria Orange studio porto San Giorgio testo di Antonio Di Gaspero (solo exibition).

2005 – “Patrie rapite” Galleria Orange studio porto San Giorgio testo di Antonio Di Gaspero (solo exibition).

2003 – “Disabitare” Galleria S.Croce-Cattolica / Castello di Montegridolfo  a cura di  Annamaria Bernucci e Roberta Compagnucci.

2002 – “Transiti” Palazzo Albani Urbino a cura di Bruno Ceci. – Galleria Van Der Vlist  Leiden (Olanda).

2001 – “Paolo Tosti” Zucca Arte Design Pesaro (solo exibition).

2000 – “Percorsi d’arte Contemporanea” Centro Congressi  Peglio a cura di Giorgio Auneddu Mossa.

1998 – “Zibaldone 1793/1997″ Galleria Franca Mancini Pesaro. – “Lo sguardo del Mercenario” Paolo Tosti – Piero Roi, Giardini Rocca Roveresca Senigallia presentazione di Gianruggero Manzoni. – “Artefici” trentennale dell’Accademia di Belle Arti Rampa Francesco di Giorgio Martini,Urbino. – Simposio Internazionale di scultura Cavaion Veronese.

1997 – Simpocio Internacional de escultura Fines Almeria (Spagna). – “Paolo Tosti sculture disegni” Galleria d’Arte Contemporanea Sala Bramante Fermignano a cura di Bruno Ceci (solo exibition).

Contributi poetici-letterari / poetic contributions: Umberto Piersanti, Marco Ferri, Francesco Scarabicchi, Antonio Di Gaspero.

Bibliografia essenziale/ bibliography : Gianruggero Manzoni “Lo sguardo del mercenario” 1996 / 1998. – Bruno Ceci “Paolo Tosti sculture” 1997. – Carlo Melloni Palazzina Azzurra 1999.  - Giancarlo Bassotti catalogo  ”Proposte” 1999. – Giorgio Auneddu Mossa “Percorsi di Arte contemporanea” 2000. – Roberta Compagnucci “Disabitare”. -   Antonio Di Gaspero “Patrie Rapite” 2005. – Mariano Apa “Aperture” 2006. – Antonio Di Gaspero “Archeo Industrie” 2006. – Paolo Maria Rocco “Nel pensiero dei luoghi”2010. -Erminia Gelso  ”L’ospite tiranno 4″ 2013. – Paola Gennari “Interno1/Interno2″  2014. –  Luigi Campanelli “Ombre” 2015. – Paola Gennari  [de]Habitat 2016.- Paola Gennari  ”Ortogonale Minima” 2016.