luglio 31, 2013 0

“L’ospite Tiranno” 04 agosto/15 settembre 2013 – Cagli (PU)

By paolotosti in Storia Archivio/Archive

Comune di Cagli (PU) / Assessorato Beni e Attività Culturali / Istituzione Teatro Comunale di Cagli

“L’OSPITE TIRANNO” 4

rassegna d’Arte Contemporanea 4 agosto / 15 settembre 2013

Palazzo Tiranni / Castracane via Purgotti, 51  Cagli (PU)

Inaugurazione domenica  4 agosto ore 18.00

Luigi Campanelli, Antonio Capaccio, Mara Cerri, Franco Cingolani, Paolo Gobbi, Magda Guidi, Simone Martinelli, Enzo Torcoletti, Silvia Torresani, Paolo Tosti.

Sabato 24 agosto ore 18,00 presentazione del catalogo/concerto di SILVIA CIGNOLI, chitarra.


Tra le funzioni di una pubblica amministrazione, specie in tempi di crisi, compare sicuramente anche quella di favorire e incentivare un proficuo dialogo tra gli artisti, gli intellettuali e la comunità che innerva un territorio, una città. Questa apertura non a caso ha favorito anche a Cagli, specie nel passato, una ininterrotta stratificazione artistica, generando un pregevole patrimonio contrassegnato da monumenti e opere d’arte di rilevante livello culturale mettendo questa città in evidenza nelle mappe della storia dell’arte. Accanto a ciò si pone il compito di stimolare i giovani artisti, di generare incontri sia con artisti affermati e sia con quanti rappresentano segmenti del mercato, di far scaturire occasioni cariche di possibilità future. Così dieci artisti (affermati o emergenti) legati, seppure in maniera e intensità differenti, a Cagli sono stati chiamati, nell’ambito dell’appuntamento espositivo ormai stabile rappresentato da L’Ospite Tiranno, a presentare, senza un tema preordinato, una serie di loro opere entro gli spazi del piano nobile del cinquecentesco Palazzo Tiranni-Castracane. Un artista per ogni sala del Palazzo, quasi una piccola personale all’interno di una proposta collettiva.

Alberto Mazzacchera, Vice Sindaco con delega Beni e Attività Culturali – Comune di Cagli.

Organizzazione: Associazione Culturale BelloSguardo, Cagli.

Orari: venerdì 16,30 – 19,30 sabato e domenica 10,00 – 13,00 e 16,30 – 19,30.

ingresso gratuito

Ufficio Cultura: 0721 780731 /  Ufficio Informazioni Turistiche: 0721 780773.

Fino a quando l’arte opera attraverso il piacere che procura, si può anche tralasciare la pretesa di un significato univoco e definitivo. Non si parla di negazione della profondità, dell’insensatezza dell’interpretazione critica, ma della proposta di un percorso che si svolga direttamente nell’interiorità dello spettatore, affinché egli parta dall’opera e arrivi a un qualcosa che non vogliamo suggerire e soprattutto non vogliamo tradurre in testo e parole.

Ciò che vi presentiamo pertanto somiglia più a una lista che a una rete di connessioni: semplicemente estraiamo dieci campioni di ‘fare artistico’ nella speranza che siano in grado di darci un’idea di cosa ‘sta accadendo’ in questo ambito.  Li abbiamo definiti ‘esponenti’ di se stessi, in quanto porzioni di un periodo storico-artistico che ancora non è in grado di capirsi. Ognuno di essi rappresenta il tentativo di cogliere l’idea che sopravvivrà. A proposito della lista Umberto Eco scrive: “Nella misura in cui una lista caratterizza una serie per quanto difforme di oggetti come appartenenti allo stesso contesto o visti dallo stesso punto di vista […] essa conferisce ordine, e dunque un accenno di forma, a un insieme altrimenti disordinato.”  Ovviamente l’estrazione di cui parlavamo comporta una scelta che, per quanto arbitraria, nega la casualità totale. Inoltre, l’allestimento materiale della mostra costituisce comunque un abbozzo di forma.

(Erminia Gelso)