0

Coefficiente di rottura

Coefficiente di rottura – Paola Gennari L’atto creativo e la creatività sono due elementi fondamentali, imprescindibili e caratterizzanti dell’essere umano; la loro mancanza, comporterebbe la perdita della vera essenza della vita, del suo significato, del suo scopo in termini di sentimento, di bellezza, di mistero. È nell’atto creativo che l’uomo può fare uso della sua [...]

0

“Ortogonale Minima”

Nell’arte di Paolo Tosti c’è un rigore compositivo fermissimo, grande fedeltà verso il proprio lavoro costituito da principi solidi, è un artigiano divino, un demiurgo. Nello scolpire usa l’inconscio, nel rifinire usa una programmatica precisione, ottenendo linee e forme pulite, essenziali. Riesce a creare quel vuoto che la sua mano apre per dare quel pieno, [...]

0

[de] habitat

[de] habitat Paola Gennari La scultura di Paolo Tosti è un prodotto della Natura: il rapporto fra Cielo e Terra è presente in tutte le sue opere. L’artista, ispirandosi all’archeologia urbana e industriale dismessa, non fa altro che riprendere il tema archetipico dell’architettura dalle origini arcaiche, in cui l’Uomo era ancora interconnesso con l’Universo. Tale [...]

0

“UNICUIQUE SUUM”

Anna Dell’Agata “UNICUIQUE SUUM”   / Pineto degli Abruzzi / agosto 2015 “….. Da un artista colto e selvaggio a un maestro scultore serio e classico. Tale mi appare Paolo Tosti nella sua rigorosa, matematica e raffinata ricerca formale. E questa classicità della forma, sempre essenziale  e scandita in diedri dal gioco delle ombre, mossa da energie [...]

0

Luigi Campanelli – OMBRE 2015 / Abbazia di San Vincenzo Furlo

OMBRE Le sculture inedite di Paolo Tosti L’Opera scultorea di Paolo Tosti si colloca sul crinale di questo fine secolo e l’inizio del nuovo, con lo sguardo rivolto alle macerie, ai resti del passato con le ali spiegate verso il futuro come nell’angelus novus di Paul Klee. Non è cosa facile nell’arte contemporanea oggi, in [...]

0

Paola Gennari – Art8tel 2015

La scultura, Ritratto Industriale IX, di Paolo Tosti è una testimonianza della continua ricerca e studio delle strutture archeologiche urbane e industriali. Costituite da una complessa stratificazione di un tempo passato, queste architetture diventano esse stesse una testimonianza della conoscenza dei luoghi e dei siti dove sono nate e dove hanno vissuto, per poi diventare [...]

0

Paola Gennari – Interno1/Interno2 piazza Bra (Arena) Verona 2014

Piazza Bra si è formata nell’arco di un lungo periodo di tempo intorno al preesistente anfiteatro romano. Gli edifici che la circondano si sono succeduti nei vari secoli fino a configurare l’attuale forma della piazza come oggi la vediamo: uno spazio dalla forma irregolare che genera diverse linee di fuga creando uno spazio mosso, ma [...]

0

Erminia Gelso – “L’ospite Tiranno 4” Palazzo Tiranni/Castracane, Cagli 2013

Paolo Tosti compie, nella sua stanza verde, un’ operazione interessante che si intuisce dalle sue parole scritte e appese al muro, fondamentali: “ sono stato sempre attratto empaticamente da ciò che rimane dei luoghi dell’uomo, dopo la cessazione delle attività quotidiane e produttive, dopo l’abbandono definitivo”. Come la stanza che lo ospita è, per sua [...]

0

Paolo Maria Rocco – Nel pensiero dei luoghi, visioni di città (dal testo introduttivo) – Cortile S.Marco Mombaroccio / Palazzo Mercuri S.Angelo in Vado / Castello Brancaleoni Piobbico 2010

Qualcosa, suggerisce Paolo Tosti, forse è andato perduto nell’epoca del predominio della tecnologia, nel conseguente allontanamento dell’uomo dalla Natura, nel processo dell’industrializzazione nella società globale. Qualcosa c’è da ritrovare: proprio nei reperti di archeologia industriale un significato che dia senso all’esistenza, un volto al nostro tempo, un argine alla solitudine e alla desolazione. Nasce così [...]

0

Antonio Di Gaspero catalogo “Archeo-industrie” sculture/disegni – Galleria Orange studio Porto San Giorgio 2006

Con la sua ultima ricerca artistica sull’ archeologia industriale, tematica importante, l’artista Paolo Tosti raffigura in maniera astratta, in diciotto disegni ed una scultura “planimetria” vecchi edifici industriali, trasferendo così, la propria attenzione, dagli studi architettonici indefiniti delle precedenti opere bi e tridimensionali, ad uno studio più attento e preciso, su strutture architettoniche legate al [...]